Impianto cocleare: come funziona e i modelli

L’impianto cocleare è stato un grandissimo passo avanti per la scienza e per la ricerca tecnologica di ultima generazione. Consente a chi ha perso completamente l’udito di tornare a sentire e a condurre una vita “normale”. A differenza di quello che si potrebbe pensare non si tratta di un apparecchio acustico, perché funziona in maniera differente. L’impianto cocleare, infatti, non seleziona i suoni e le parole da comprendere come fanno le soluzioni uditive, ma va a trasmettere i suoni direttamente al nervo acustico.

In sostanza si superano le strutture dell’orecchio medio e della coclea andando a sostituire interamente la funzionalità dell’orecchio. L’impianto cocleare o “orecchio bionico” come viene generalmente chiamato dai pazienti, converte i suoni in stimoli nervosi che dal nervo acustico vanno direttamente al cervello per essere interpretati.

Impianto cocleare invisibile, Impianto cocleare costi, Impianto cocleare ultima generazione, Impianto cocleare rischi, Impianto cocleare intervento, Impianto cocleare senza fili, Impianto cocleare prezzo, Impianto cocleare orecchio, Impianto cocleare pro e contro, Impianto cocleare come si sente, Impianto cocleare bambini, Impianto cocleare componenti, studio udire

Chi può utilizzare l’impianto cocleare?

Il medico otorinolaringoiatra o l’audiologo possono valutare l’eventuale intervento chirurgico con impianto cocleare. Questo tipo di soluzione è molto drastica in quanto non consente ripensamenti di nessun tipo essendo un’intervento invasivo. Può essere utilizzato nei casi di sordità gravi o profonde, anche in chi ha un problema uditivo di tipo bilaterale. A partire dall’età di 1 anno bambini ed adulti possono sottoporsi a questo intervento. Ci sono molte differenze tra l’impianto cocleare e gli apparecchi acustici: il più evidente è l’estetica in quanto le soluzioni uditive possono essere praticamente invisibili mentre l’orecchio bionico è molto vistoso anche se impiantato.

Di fatto l’impianto cocleare è la soluzione estrema a un problema irrisolvibile diversamente. In generale questi sistemi possono essere utili a tutti coloro che sono affetti da sordità grave, sono in salute e quindi non hanno fattori di rischio particolari che potrebbero contrastare con l’impianto. La persona che si sottopone all’intervento di impianto cocleare deve essere motivata perché il post-operatorio prevede un periodo di riabilitazione non sempre è facile (a detta di molti miei pazienti seguiti da medici specializzati in questo ambito). In tutti i casi, prima dell’intervento vengono fatti esami preliminari specifici e sarà il medico a stabilire l’idoneità del soggetto all’intervento chirurgico.

Impianto cocleare invisibile, Impianto cocleare costi, Impianto cocleare ultima generazione, Impianto cocleare rischi, Impianto cocleare intervento, Impianto cocleare senza fili, Impianto cocleare prezzo, Impianto cocleare orecchio, Impianto cocleare pro e contro, Impianto cocleare come si sente, Impianto cocleare bambini, Impianto cocleare componenti, studio udire

Come funziona l’orecchio bionico?

Riacquistare l’udito è possibile grazie a un processore del suono che si applica poco dietro l’orecchio mediante uno specifico intervento chirurgico (mastoidectomia) per l’installazione dell’ impianto cocleare. Il processore raccoglie i segnali dall’ambiente e li passa a un ricevitore inserito sotto la cute.

Questo trasmette subito degli stimoli sonori a un sistema di elettrodi che sono stati posti nell’orecchio del soggetto, precisamente nella coclea. I nervi acustici sono stimolati e di conseguenza possono passare le informazioni al cervello: qui gli impulsi vengono elaborati come suoni.

La capacità di sentire i suoni è acquisita gradualmente dal paziente. Tutti vorremmo tutto e subito ma questo non è mai possibile quando si parla di salute. Dopo l’intervento chirurgico, si procede con controlli periodici di riabilitazione del soggetto. Dopo l’impianto cocleare bisogna mettere in conto un periodo di riabilitazione e adattamento più o meno lungo a seconda delle singole necessità del paziente.

Questa fase post-operatoria è un passaggio obbligato e non sempre facile visto che ci sono diversi effetti collaterali con cui convivere: i rischi non mancano. Tutto questo è da considerare quando si valutano i pro e i contro di un impianto cocleare, anche perché non è possibile conoscere come si sente prima dell’intervento. Anche la situazione iniziale del paziente fa la differenza: un neonato che non ha mai sentito suoni ha solo un guadagno da questo intervento. Ben diverso è l’adulto che ha conosciuto l’udito naturale nel corso della propria vita e che ora vorrebbe riavere.

Impianto cocleare invisibile, Impianto cocleare costi, Impianto cocleare ultima generazione, Impianto cocleare rischi, Impianto cocleare intervento, Impianto cocleare senza fili, Impianto cocleare prezzo, Impianto cocleare orecchio, Impianto cocleare pro e contro, Impianto cocleare come si sente, Impianto cocleare bambini, Impianto cocleare componenti, studio udire

I moderni impianti cocleari: modelli e componenti

L’impianto cocleare è disponibile in diversi modelli anche se il sistema di funzionamento di base è sempre il medesimo. C’è una parte interna che è quella che viene inserita chirurgicamente, cioè il ricevitore, il cavo di connessione e il multi elettrodo. C’è sempre una parte esterna che resta posizionata sopra l’orecchio, costituita da un microfono che raccoglie i suoni. L’ impianto cocleare di ultima generazione è senza fili ma non possiamo certo dire che sia invisibile. Come sempre, è fondamentale affidarsi a un professionista capace e competente che possa comprendere le esigenze del paziente e consigliare ciò che serve al diretto interessato.

Dr. Ronni Bottazzi